SessionImage

x

Le migliori offerte & consigli per il viaggio!

Iscrizione gratuita alla Newsletter

Home  |  DE
Il portale turistico per mangiare e bere in Val Pusteria
Mangiare e bere
Puro piacere: mangiare e bere in Val Pusteria
Una cosa è certa: anche dal punto di vista culinario l'est dell'Alto Adige saprà convincervi…

Mangiare e bere in Val Pusteria

   
Così vario come lo sono il paesaggio culturale e naturale della Val Pusteria, lo è anche il lato culinario. Che si tratti di canederli allo speck nella zuppa o di canederli dolci alle albicocche come dessert, di una rosticciata al signore come piatto principale o di "Tirtlan" con crauti - la proposta di specialità altoatesine servite in Val Pusteria è enorme. E soprattutto: le prelibatezze culinarie della cucina altoatesina combinate con la cucina leggera dell'Italia - una delizia. Schlutzkrapfen o canederli e un tiramisù per dessert, o un canederlo in zuppa come antipasto e spaghetti alla bolognese come piatto principale - perché no?



Birra della Val Pusteria


Quello che il vino è nel sud dell’Alto Adige e nei dintorni di Merano, la birra lo è in Val Pusteria! In Val Pusteria ci sono ben due birrifici che producono la propria birra: il birrificio “Rienzbräu” a Brunico e il birrificio “Puschtra Freiheit” a Villabassa. E cosa c'è di più accogliente che rilassarsi con una birra refrigerante dopo un'escursione nelle Dolomiti della Val Pusteria ...



Le nostre ricette preferite


Siccome non potete essere sempre in vacanza in Val Pusteria, ecco le nostre ricette preferite da provare a casa. Via auguriamo una buona riuscita!

Canederli allo speck altoatesini

Si trovano su ogni menu in Alto Adige, i canederli allo speck. Cucinarli a casa non è affatto difficile:

Impasto (per ca. 30 pezzi):
350 g di pane bianco raffermo o pane per canederli pretagliato
200 g di speck Alto Adige
2 "Kaminwurzen" (salamino affumicato) e 1 salsiccia per canederli (facoltative)
300 g di farina
250 ml di acqua
4 uova
un po' di olio
erba cipollina tagliata sottile
sale, pepe

Preparazione:
Tagliate il pane bianco a dadini e mischiatelo con acqua, uova ed olio fino ad ottenere un impasto colloso. Poi tagliate lo speck molto sottile come anche il "Kaminwurze" e la salsiccia per canederli. Se non aggiungete all'impasto questi due ultimi due ingredienti, usate un po' più speck, in modo da dare ai canederli un colore invitante. Aggiungete lo speck e se volete anche i "Kaminwurzen" e la salsiccia per canederli nella scodella, aggiungete sale e pepe e mischiate il tutto con la farina e l'erba cipollina. Formate dei bei canederli tondi e lasciateli cuocere a fuoco lento in acqua bollente salata per ca. 15 minuti.



Tirtlan pusteresi

Cosa sono i Tirtlan pusteresi? Spiegato semplicemente somigliano al gnocco fritto e vengono proposti con diversi ripieni. Di solito i Tirtlan pusteresi sono serviti con la zuppa d'orzo. Secondo la nostra ricetta, prepariamo i Tirtlan con patate e ricotta. Ma sono molto apprezzati anche ripieni di spinaci o crauti.

Impasto (per ca. 40 pezzi):
250 g farina di segale
250 g farina di frumento
1 uovo
1 cucchiaio d'olio
30 g burro fuso
sale q.b.

Per il ripieno:
500 g patate cotte e passate al setaccio
500 g ricotta asciutta e passato al setaccio
1 cipolla, tagliata a dadini
sale q.b.
pepe q.b.
erba cipollina, tagliata sottile

Preparazione:
Mescolate bene gli ingredienti per l'impasto e lavoratelo, preferibilmente su una spianatoia, fino ad ottenere un impasto morbido e liscio. Copritelo e lasciatelo riposare per circa 30 minuti. Nel frattempo, soffriggete nel burro i dadini di cipolla per il ripieno e lasciate raffreddare. Aggiungete la ricotta, le patate e l'erba cipollina, infine condite con sale e pepe. Stendete l'impasto preparato in precedenza e tagliate dei pezzi grandi quanto il palmo di una mano. Sulla metà dei fogli distribuite un po' di ripieno e copriteli con il secondo foglio di pasta. Premete bene i bordi con le dita e tagliateli quindi con la rotella, in modo da ottenere la tipica forma tondeggiante dei Tirtlan. Infine, cuoceteli in olio bollente, metteteli sopra della carta assorbente in modo che perdano l'olio e serviteli.



Rosticciata del signore

Sapete da dove deriva il nome "Rosticciata del signore", tedesco "Herrengeröstl"? Deriva dalla "Rosticciata del contadino", in cui però viene utilizzata carne di manzo, anziché di vitello, che è molto più costosa. In passato la carne di vitello se la potevano permettere solamente i nobili signori. Da qui il nome "Rosticciata del signore".

Ingredienti:
400 g di noce o di filetto di vitello (tagliata a pezzettini o a listarelle)
4 fette di speck
300 g di patate non farinose
60 g di cipolle tagliate a dadini
5 C di olio per rosolare
200 ml di salsa bruna o di brodo di carne
1 Cdi burro freddo
1 foglia di alloro
1 c di maggiorana tagliata finemente
1 c di prezzemolo tagliato finemente
1 cipolla tagliata ad anelli
pepe appena macinato
sale

Preparazione:
Lavare le patate e cuocerle in acqua salata per circa 40 minuti. Far raffreddare le patate, sbucciarle e tagliarle uniformemente a fette. Scaldare l'olio in una padella e dorarvi le patate. Condire la carne di vitello con sale e pepe, quindi rosolarla assieme alle cipolle in un po' di olio caldo. Unire le patate, l'alloro, la maggiorana, il prezzemolo, la salsa bruna e far sobbollire il tutto. Salare e pepare la rosticciata ed aggiungere il burro. Abbrustolire le fette di speck e disporle sulla rosticciata insieme alle cipolle fritte.Tempo di cottura: 15–20 minuti.



Nigilan con salsa al miele

Ora qualcosa di dolce, preso da „100 Südtiroler Krapfen – Bäuerinnen verraten ihre Rezepte“.

Impasto (per 50 pezzi):
700 g farina
50 g lievito
50 g zucchero
50 g burro
ca. 250 ml latte
4 uova
buccia di un limone non trattato
un po' di anice
1 presa di sale
Olio di arachide per friggere

Per la salsa al miele:
500 ml vino bianco
3-4 cucchiai di miele
2 garofani
cannella
buccia di limone

Preparazione:
Mettere la farina in una ciottola e formare un buco, aggiungere il lievito e con un po' di zucchero e un po' di latte tiepido sbattere il tutto. Coprire e fare lievitare per 15 minuti circa in un luogo caldo. Poi aggiungere gli ingredienti rimasti e latte tiepido fino ad ottenere un impasto morbido ed elastico. Lasciare lievitare l'impasto per 50 minuti. Con un cucchiaio sporco di olio formare piccoli gnocchi e friggere in olio caldo su tutti i lati. Fare sgocciolare gli gnocchi su carta da cucina.
Per la salsa al miele scaldare il vino bianco con gli altri ingredienti (non cuocere) e servire con i Nigilan!



Specialità della Val Pusteria


In Valle Isarco sono le castagne, nel sud dell'Alto Adige il vino, nella Val Venosta le albicocche e nella Val Pusteria le patate e il formaggio di montagna – le vere specialità.

Le patate della Val Pusteria

In Val Pusteria il clima è particolarmente ideale per la coltivazione delle patate e il tempo del raccolto ha una certa notorietà.
Le patate non sono solo un alimento fondamentale, ma sono ricche di minerali e microelementi come calcio, potassio, sodio, fosforo e ferro. Inoltre, contengono molte vitamine. La particolarità delle patate della Val Pusteria è data soprattutto dalla loro alta qualità e dal loro gusto speciale. In Alto Adige ogni anno vengono raccolti 5 milioni di chili di patate. A seconda delle proprietà del terreno vengono coltivate circa 20 differenti varietà. I terreni fertili, il clima mite e le giornate calde e le notti fresche sono ideali per la coltivazione delle patate e garantiscono un'eccellente qualità di questo ortaggio.



Il formaggio di montagna della Val Pusteria

Vi chiedete quali sono i fattori che rendono così speciale il formaggio di montagna della Val Pusteria? Il latte Alto Adige di alta qualità, l'amore per il prodotto e una lavorazione specialmente delicata secondo metodi tradizionali risultano in riconoscimenti ambiti.
Il formaggio di montagna della Val Pusteria è una delizia saporita ed è diventato un classico nella lista dei oltre 90 tipi di formaggio prodotti in Alto Adige. Le variazioni più amate sono il Formaggio Montagna Sesto e il Formaggio Montagna San Candido. Solo attraverso una maturazione di almeno 10 settimane il Montagna Sesto ottiene il suo sapore inconfondibile. Anche il Montagna San Candido con il suo gusto rotondo saporito ha bisogno di una stagionatura di circa 2 mesi. Una delizia assoluta è il formaggio Montagna Alto Adige Superior della Latteria Tre Cime di Dobbiaco che deve maturare per un minimo di 6 mesi. E anche il Formaggio Pusteria di Mila con un gradevole aroma intenso.
Non troverete diversi tipi di formaggi montagna solo nelle latterie della Val Pusteria ma anche nei caseifici agricoli dei masi della Val Pusteria. Ci sono per esempio il Caseificio Oberhof a Rasun/Anterselva, il Caseificio Gatscher a Chienes, l'Unterhölzlhof a Valdaora, il Waldsamerhof a Casies, il Caseificio Hochgruberhof a Selva dei Molini, il Moarhof a Campo Tures, il Lechnerhof a Braies, il Neuhaus Hof ad Acereto, Il Caseificio Kleinstahl a San Giovanni in Valle Aurina … per citarne solo alcuni. La degustazione è un must per i buongustai di ogni età!



E quello che non deve mancare assolutamente nella vostra vacanza in Val Pusteria: una visita in un ristorante tipico, in una malga rustica o in una tipica locanda per farsi viziare con specialità della Val Pusteria, dell'Alto Adige e della cucina italiana.

Consigli tematici...


Ristoranti
RistorantiViziate il vostro palato nei ristoranti della Val Pusteria ...
di più
Caseificio Capriz
Caseificio CaprizUn attrazione speciale, che merita una visita ...
di più
Maratona dei Canederli
Maratona dei CanederliSport e piacere culinario, unite entrambi ...
di più
Natale nelle Dolomiti
Natale nelle DolomitiSan Candido semplicemente incantevole ...
di più
Mercatino di Natale di Brunico
Mercatino di Natale di BrunicoUn'intera città nel fascino del Natale ...
di più
Mercatino di Natale di Lienz
Mercatino di Natale di LienzAtmosfera natalizia nel Tirolo orientale ...
di più
Malga Fane
La Malga FaneUn caloroso benvenuto nella più bella malga dell'Alto Adige ...
di più

Ulteriori alloggi in Val Pusteria...


Tipo di alloggi: Hotel secondo categoria: Vacanze a tema:
Alloggi in Val Pusteria

I migliori alloggi in Val Pusteria

NewsletterIscrizione alla Newsletter
E-Mail

 
Newsletter
Alloggi
Mangiare in Val Pusteria significa soprattutto genuinità e prodotti locali, con i quali vengono preparate ottime specialità culinarie.
Val Pusteria